Tag

,

DIALOGO IMMAGINIFICO TRA UN ANGELO E UN CLOWN

Mercuzio: Nanos mi disse che compiva ancora gli anni a differenza di me che sono eterno ed etereo, con questa stupida abitudine degli umani, questa ossessione di dividere il tempo terreno per paura di affrontare il problema del morire umano

 

Nanos: Si! Una volta all’anno……e tu per sempre?

Mercuzio: ….è da tanto tempo che non ti sento parlare, vorrei dartene una occasione, senza esagerare con i tuoi soliti giochini di parola e doppi sensi, popolareschi…..

Nanos: Sono contento che mi concedi in questo anniversario un’occasione di parlare “semel in anno…” dicevano gli antichi, …una volta all’anno….

Mercuzio: La citazione corretta latina dice “semel in anno licet insanire” …. nel tuo caso…. “la gaia follia” è stata il motivo del nostro primo incontro intrigante e sospettoso…. e del nostro rapporto …. io con il ” logos” che tutto compone … tu con la ” follia…..che tutto scompone …..dei sognatori pratici”…..” la moto del tempo” come una dimensione oltre lo spazio-tempo …forme a priori dell’intelletto ….. prigione-labirinto per umani troppo umani…

Nanos: Il mio tempo continua almeno ci spero…se tu mi continuerai a custodire..…ed è solo un esercizio di pratica attiva della follia che negli ultimi tempi abbiamo raffreddato o quasi interrotto….io mi sentivo una tua “ombra fastidiosa e appiccicaticcia…mi manca a volte la tua “luce” a cui attaccarmi ……

Mercuzio: La tua “metis-furbizia” campano-cilentana ti ha permesso per istinto popolano ancora di percepire questo cambio di rapporto da indulgente a distaccato ….. sa …. di questi tempi di “crisi globale” il vostro pianeta terra mi sembra impazzito….e i clienti….. sono aumentati a dismisura ed io sono stato costretto a chiedere un “anno sabatico” al mio “U’Mast Signor” come tu osi chiamarlo nel tuo idioma napoletano…in modo irriverente e pulcinellesco.

Nanos: Non è solo furbizia ma un modo di vivere o …. sopravvivere ai margini, senza farsi sopraffare con dignità,…orgoglio e giustizia … ma che ne parlo a’ffà a te che sei nato privilegiato… crisciùte e pasciùte … .comunque … per quello che ho capito della tua ” oscura filosofia”…. pensando che l’ombra di un angelo fosse una risorsa alla sua vanità di “immortale a mezzo servizio”…una sorta di arco teso tra gli dei ed i mortali ….e mi rallegravo anche solo a sentirti senza vederti …, spesso come tu mi avevi suggerito ho provato a fare il “funambolo” sulla corda per spiegare ai miei spettatori il senso di equilibrio da praticare nella vita da uomini tesa tra il nulla e il nulla …. sospesi nel nulla …. a dir la verità quando mi avevi spiegato questa tua idea della vita ed io avevo pensato che tu fossi in un grave stato di depressione e confusione e non lo avevo proprio presa sul serio……

Mercuzio: Hai capito benissimo e vedo che come i poeti e letterati hai imparato anche tu a complicare le cose semplici ….scrivendo…

Nanos: Senti chi parla!…. mamma mia …sei diventato più complicato del solito …sarà che in queste giornate di festa per il compleanno rU’Mast Tuoi… hai faticato e sei stressato anche tu per organizzare presepi e feste…tanti ospiti ….. magi dall’oriente, pastori, lavandaie, fornai, pescivendoli e beccamorti come i poeti e poetesse paesologici che continuano a scrivere cartoline a i morti invece di scriverle ai vivi ….o di pastori che si fanno addomesticare dalle pecore e mucche podoliche …..e tanti altri animali feroci restando io solo qui che prova ad addomesticarli nel mio circo di campagna …nel mentre tu ha avuto un bel da fare e come al solito, e soprattutto, avrai esagerato nel mangiare e bere! Voi angeli siete come bambini deboli di stomaco e pure avete na certa età e vi dovreste mettervi un po’ a dieta……

Mercuzio: Caro nanos …ti va di scherzare ma purtroppo la vita degli uomini è proprio come te l’ho raccontato ma, pur avendo esagerato con parole a tinte fosche… il racconto o resoconto ….. di fatto “inizio e fine sono proprio il nulla” ma il senso allora va cercato proprio nel saper vivere “l’àristos-meglio” di ogni attimo nell’equilibrio precario del funambolo sulla corda, ma tu, come il clown di cui parla Nietzsche non devi cercare, né di scavalcare, con un salto il funambolo, né come sfida, e neanche come conforto, per allietarlo del suo stato incerto e confuso. Sai tu devi sapere di “essere ombra della mia luce” e che non c’è ombra senza la luce come reciprocamente non c’è luce senza ombra …..è il tragico rapporto tra Creatore-creature….che ogni filosofo ha cercato di spiegare e contraddire….

Nanos: La mia è un’ombra che cerca un identità comunitaria, democratica, e per questo senza troppi fronzoli: umana e discreta e che si prova sempre a rispecchiarsi nella luce degli altri quando questa non è oscurata…..da un sistema di questo universo creato o scoppiato secondo le idee di alcuni scienziati, poeti, musicisti e vacanzieri di margine ….ma gli angeli si ritrovano oggi proprio nei luoghi comuni il “big ban” è qui dove tutto è scoppiato, quando mancano identità certe comunitarie….a differenza della tua e della mia…..del vuoto delle origini….

Mercuzio: Sempre questo vizio assurdo del gioco… dei frizzi e lazzi …la dice lunga sulla tua saggezza ritrovata di Clowndestino, nascosto e pure senza più permesso di soggiorno ….vedo che ti sei fatto anche tu influenzare da quel pazzo di Darwin e parli di “scoppi” della materia primordiale e quant’altro….il ”Deus sive natura” dell’ebreo Spinoza si avvicina di più alla verità ideale-reale del “tutto-uno” come spiegazione dell’universo intero …..e in quel caso come ti dicevo “Luce-ombra….Dio-uomo” non sono avversarie, conflittuali, contrarie, diverse; e quando la luce scompare, momentaneamente l’ombra deve di fatto scivolargli dietro per conservare consistenza se è vera amica, ma tu sei ancora vittima del tuo “ego” sapiens sapiens…..altro che “clown in interiore homini” troppa zavorra umanoide di filosofemi e luoghi comuni da circo, più che presa di coscienza di “cura di sé” filosofica ed etica caro….

Nanos: Io odio e amo quello che mi hai insegnato ad odiare ed amare tu, allora diversamente devi ammettere che sei “un cattivo e incoerente maestro” anche tu! La notte nei momenti bui di mia difficoltà di realizzare una piena “koinonia-unione” tra clown e umani, io provo, cerco di assecondare solo gli uomini che si sforzano di cercare la luce, la chiarezza del nascosto, del velato, mi sento felice solo quando riesco a far brillare la luce nei loro occhi tristi di dolore di un bambino o di sofferenza di un vecchio solo ….. toccati non solo nel corpo… ma nell’anima……. faccio salti mortali, acrobazie nel mio circo pericolosissime, per strappare anche solo un accenno di sorriso, ….non di guarirli definitivamente…..con ricette dei soliti psicologi e cialtroni da mercato …feste di piazza o da strapazzo … ma solo provando ad addomesticare le loro paure… la loro mancanza di speranza…..

Mercuzio: ….credo di essere d’accordo con quello che mi dici quando mi parli di scarto tra desideri e buona volontà da parte tua…..desideri bene, ma spesso razzoli male e ti ho visto anche io brancolare nel buio di vecchi vizi esoterici, magici con fattuccherìe per allocchi .. tutta luce e niente ombra ….e viceversa giocando sulle paure, ingenuità, limiti, mancanze e disponibilità dell’umanità ingenua…..

Nanos: E no! ..Se pure fosse, non me ne sono accorto e se è successo chiedo la preterintenzionalità e me ne scuso.! Ti invito liberamente di intervenire ..sorvegliare e punire anche con durezza verso i miei pensieri e azioni…..

Mercuzio: ….non importa siamo tra amici fino a prova contraria ….perchè siamo ancora amici . ..nevvero? …..non solo nei compleanni e feste comandate … i buoni e veri amici si possono anche scambiare parole dure e di troppo… incresciose e oscure…come segno di intesa speciale…perchè una vera amicizia deve risultare privilegio per chi la pratica e difficile enigma e speranza per gli altri….e noi siamo …come dicevano i greci “philoi kaloi kai agathoi …amici belli e buoni”… con il senso del “dono” nel rapporto dare-avere….senza profitto o rendita!

Nanos: ……..un’ultima cosa comunque devo dirla …. ce l’ho qui sullo stomaco e non mi va né giù né su…..mi chiedo con una “domanda retorica” che conosce già la risposta …”ma le ombre essendo per riverenza più timide e discrete della luce …. spesso si dimenticano che le loro sono solo opinioni …”dòxa”…. dicevano i greci….e che solo la luce può dire “verità” anche quando non le rivela con parole umane troppo umane…ti sembra giusto o ho capito male!?!?!?.

Mercuzio:….forse ti sbagli …..amico mio….e parli con la mentalità ancora umana fatta di dicotomie …bene-male…vero-falso….buono-cattivo…… bello-brutto…vero-sbagliato …..la “verità-aletheia” è un processo di conoscenza e di vita e come la luce ha il compito solo di “svelare” chiarire ciò che è nascosto ..velato….sconosciuto …..non nel rapporto causa-effetto dei fisici e matematici ……l’importante è la ricerca nel suo farsi come processo…. non ciò ch’è svelato una tantum…si fa “principio di tutte le cose visibili e invisibili “……è un po’ come per il tuo “clown ideale ..dentro di te” ….non lo trovi una volta per tutto e lo metti su un piedistallo per farlo ammirare dal pubblico o farlo pregare da fedeli bisognosi …diventa “vero…autentico…credibile” proprio nel suo continuo cambiare senza noia e con letizia …è imprendibile, provvisoria e mutevole proprio come l’ombra rispetto alla luce ….cambia ed è uguale rispetto alla sua luce ……comunque “buon compleanno” al tuo clown smarrito e testardo …..che è cosi come è ma può essere anche altro e diversamente. da sé ….al meglio o al peggio….auguri e …”ad meliora! …anche perché quando compie gli anni il custodito anche il suo angelo li compie!…….

“…..Lo sentirono come un mezzo-essere.

Poi, dolcemente, si confuse

con il silenzio e il ricordo.

Il sonno lasciò di nuovo il loro riso,

morì la loro estatica speranza,

e poco dopo dimenticarono

che era passato.

Tuttavia, quando la tristezza di vivere,

poiché la vita non è voluta,

ritorna nell’ora dei sogni,

col senso della sua freddezza,

improvvisamente ciascuno ricorda –

risplendente come la luna nuova

dove il sogno-vita diventa cenere –

la melodia del ( clown ) pazzo. (Pessoa)

Annunci