Tag

, , ,

foto di Giulio Rimondi 2Nanos: Mercuzioooooooooooo, ma come devo fare con te che non rispondi mai quando ti chiamooooooo? Mi fai sapere se i clown devono andare ad Aliano a scoprire la luna nei calanchi anche quest’anno?

Dai rispondiiiiiiiimiiiiii almeno tuuuuuu che sei il mio angeloooooo custodeeeeeee: che ne pensiiiiiiiiii?

Mercuzio: a volteeeeee non ti rispondoooooooo perchè mi stai esaurendooooooo con le tue domande da sfinimondoooooooo, mi sono stancatoooooooo pure di essere il tuo angelooooooo custode, chiederò al mio padre padrone di trovarmi un sostituto, un supplente, perchè mi stai esauerendoooooo con tutta la mia immortalità.., e poi è agosto…, e sto al festoneeeeeee! Comunque, solo per l’intercessione di San Tommaso, Sant’Antonio e San Rocco proverò a dare una risposta alla tua domanda…., sperando che sia l’ultima per questo mese, perché sto in ferie…, nella mia amata grotta!

Devi sapere che ad Aliano è ben diversa la stratificazione antropologica delle culture espressive e delle vostre nevrosi poetiche …, li troverai un’umanità varia ed eventuale in cerca dell’isola che non c’è….., che scappa dai propri fantasmi e spettri metropolitani…., che cerca un palcoscenico per il proprio subconscio in confusione, altra è la storia di chi da tempo è rimasto lì in esilio ad aspettare un cristo, per rivedere la magia dei riflessi della luna nei calanchi.

Vai tranquillo perché è certo che, al solito tuo, incontrerai molti “soggetto smarriti” che fanno fatica a ritrovare il proprio “io sono”……, ed in verità la tua impresa mi sembra ai confini della realtà perché mi risulta difficile immaginare che molti di loro saranno capaci di trovare il proprio clown….., vuoi partecipare come attore perso sulla scena?

Nelle difficoltà si ricorre sempre alle divinità: San Gennaro a Napoli, Sant’Antonio a Padova, Sant’Ambrogio a Milano e tu mo ti rivolgi a me Mercuzio, l’angelo tuo custode (facilitatore d’anime perse) per ritrovare ancora quella del tuo clown?

Ma!…., allora in tutti questi anni non hai imparato ancora la lezione?

In questi ultimi tempi tutti soffrono delle loro idiozie …., ma con tutti i tuoi dotti colleghi clown, non siete stati capaci ancora di scoprire di quali patologie l’intera umanità è contagiata…,  adesso siccome devi andare a calcare la scena di Aliano mi chiedi se c’è un senso e se mai c’è qual’è, e se un clown sia ben accetto?

Il tuo clown è nato per ridere di “se” e far ridere nelle situazioni di disagio fisico e psichico…., per strappare sorrisi repressi nelle comunità abbandonate…, e quant’altro…, e ancora non ti rendi conto che nessuno a più ha voglia di ridere di “se”!

Sogni ancora che un giorno potrai riconquistare la tua ala d’angelo perduta, ed averne due come le mie? Ancora peggio! Lo so, tu le sognavi per tutti quelli che vivevano il buio della loro anima …, e li invitavi a sorridere delle loro disgrazie facendo un giro con la tua moto del tempo ….., trascinandoli nel tuo tunnel spazio temporale, in improbabili passati ed ancora più incerti futuri …., augurando loro “… un futuro smagliante e un passato meraviglioso!”….., stimolandoli a riscoprire in sé stessi i loro angeli…., ma anche il loro demone clownesco, leggero e felice!?

Si certo lo so, molti di loro se ne tornavano a casa svergognati … per aver fatto una bellissima figura di merda, davanti agli amici, accorgendosi tutto sommato che la miglior cosa che ti possa capitare nella vita è: ridere di se!

Certo che ci devi andare ad Aliano, con la tua moto del tempo e girare come un forsennato tutto il paese bussando alle porte chiuse, non per riaprirle, ma per sentire gli spettri che si aggiravano dietro le porte e i “genius loci, sive mas sive foemina” che circolavano per le strade deserte e silenziose, piene di magia e di vita.

Si proprio tu!…, che hai inseguito le frane delle tue anime e raccoglievi calcinacci, facendo finta poi di piegarti a raccogliere con delicatezza i fiori che spuntavano nelle tue crepe …, li troverai case abbandonate, dagli equilibri instabili e provvisori. Semmai prova a seguire il suono delle parole poetiche di Franco, che come stelle cadenti ti potranno indicare le rotte.

Devi sapere che le parole, uscite dalle poesie, si librano a volte sopra le nuvole e disegnano paesaggi dell’anima, che possono essere custoditi solo nel museo del vento…, che soffiano tra i dirupi dei calanchi.

Ho saputo anch’io, dal mio padre padrone, che anche ad Aliano è stato inaugurato un museo del silenzio, contro lo sbraitare quotidiano, che certamente ti potrà essere utile far visitare ai tuoi colleghi clown dotti.

Si certo, sarà utile per le vostre esperienze clownesche nelle corsie ospedaliere, perché altre sono le nuvole negli occhi dei bambini inconsapevoli del senso del loro dolore!

“LA LUNA E I CALANCHI” ALIANO (MT) DAL 22 AL 27 AGOSTO 2015, INFO E PROGRAMMA:

programma-2015-la-luna-e-i-calanchi