PAURA E DESIDERIO

Carissimo Mercuzio, angioletto mio,
Sai, ieri mi sono fatto visitare in ospedale avevo paura per il mio cuore infranto, ma poi mi hanno detto che è intero e sano.
 
M: Mi sembra di capire che tu consideri il sentimento di “paura” come un momento debole della tua vita mentale e sentimentale. Prova a usare “pensieri lunghi ed a vedere che un connubio tra paura e ragione può essere evocato per uscire dalla minaccia della morte e per fare il proprio ingresso nella vita civile e comunitaria consapevole e responsabile. La possibilità per l’uomo di emanciparsi dalla condizione naturale risiede infatti “in parte nelle passioni e in parte nella sua ragione.” Le passioni che inclinano gli uomini alla pacificazione dei “demoni caldi e freddi” che configgono nella propria anima possono essere indirizzati nel timore della morte e del niente eterno, il desiderio di quelle cose che sono necessarie per condurre una vita comoda, e la speranza di ottenerle mediante la loro pratica.
La ragione poi suggerisce convenienti articoli di pacificazione, ordine su cui gli uomini possono essere tratti ad accordarsi per vivere i propri conflitti e il proprio caos primigenio e naturale.….Questi articoli sono quelli che vengono altrimenti chiamati leggi di natura…
 
N: Sai, Mercuzio angioletto mio, io però avevo paura anche se la paura nasceva da un desiderio. Ma come è possibile desiderare senza aver paura? Beh! Si, lo so! Il mio è un desiderio che forse non posso più permettermi? Amare ed essere amato. Eppure mi hanno detto che lo spirito se nasce da un corpo è la meraviglia delle meraviglie, ed io posso desiderare tutto ciò senza più paure?
 
M: Desiderio è parola chiave, parola elettiva dai tanti significati e molteplici risvolti affettivi .Il desiderio in genere non nasce dalla nostra volontà e decisione. E’ un folletto generoso e avaro che non si lascia padroneggiare dal nostro “io”. Crea non assuefazione, ma senso di perdita e di vertigine e sfida sia la forza di gravità nel tempo e nello spazio sia la sfida cognitiva della relatività. Si serve della paura come gioco di inciampo, sbandamento e perdita di padronanza con turbamento dell’animo umano e rimessa in dubbio di tutte le convinzione consolidate. In quanto al connubio con l’amore ….il suo status diventa esplosivo e pericoloso per l’intero “io”, anche se ciò potrebbe far nascere uno spirito immortale.
 
 
N: Beh lo so mi dirai che non si può avere tutto dalla vita per giunta poi l’immortalità dell’amore come desiderio senza più paure. Ma è un pò che vado in giro con la mia moto del tempo, a cercare questo amore, e non riesco a capire ancora se l’ho trovato oppure no, come faccio a non aver più paura di cercare?
 
M: Quante sono grandi le tue contraddizione e quanta confusione nella tua ricerca di questo “amore”. Se ti può servire è il gioco prediletto dalle divinità da sempre con i mortali che amano inventarsi di tutto pur di non affrontare di petto questa loro debolezza. Tu usi la “moto del tempo” per scappare dalla realtà che ti va stretta e ti affligge. Altri usano le parole e la poesia. Altri il pensiero rotondo come sfera e cangiante come un fiume. Altri si servono di immagini e colori, altri di note armoniche e dissonanti. Sono mezzi diversi per uno stesso fine: la difficoltà di vivere in concreto e imbrigliare e padroneggiare il caos sfuggente, la disarmonia sconcertante….l’amore libero e imprendibile in un amata in carne ed ossa, dove tutto è spirito immenso.
 
N: Mercuziooooo, ma tutto mi scorre, come un fiume in piena, si a volte mi sento come un bambino trascinato dalla corrente. Mi hanno pure detto che non posso pensare di nuotare contro corrente ma a favore per cercare di salvarmi. Mi devo abbandonare, a questo moto eterno, di un acqua che scorre, ma poi mi irrigidisco ed ho paura di lasciarmi andare.
 
M: Ecco hai spiegato bene la dinamica della tua paura desiderante. Abbiamo paura della nostra incapacità di padronanza, a cedere alla sua credenza, alla sua follia, alla sua prepotenza e sottostare a questa forza (dunamis-eros) che ci travolge e ci rende insicuri, deboli e esposti al desiderio come fonte vitale e libero del nostro “io”. Quando il trincerarsi dietro ad un Io, padrone e signore, viene meno, si indebolisce, tramonta, si eclissa e si depersonalizza si dà di far esistere il desiderio come possibilità desiderante dell’altro-a, al di là e aldi sopra della follia narcisistica della pacificata immagine di sé stesso nello specchio mutante della vita. La nostra paura è paura di esclusione, di dipendenza, di debolezza e di non padronanza di sé. Qui “l’Altro-a” non centra niente ancora qui siamo solo noi ad essere messi in gioco nella nostra voglia e capacità di perdere il potere su noi stessi e di poterlo esercitare sugli altri. Ti ricordi quante parole belle e inutili abbiamo speso sulla relazione stretta rapporto Eros-Potere?
 
N: E, si lo so che l’amore è la perdita di tutti i poteri, è il fallimento della nostra ragione o volontà per dare spazio allo spirito libero dell’amore. Però mi hanno detto pure che i desideri andrebbero lasciati perdere, perché si rischia di illudersi o peggio di illudere.  E qui arriva la mia paura, sai di ritornare adulto e perdere il mio bambino….di perdere la possibilita di essere cosi fragile nel gioco da assaporare la sconfitta come una vittoria.
 
M: Sei di una ingenua e infantile vocazione ad esporti e ciò inganna doti ancora intorno alla dicotomia categoriale “Adulto-Bambino”. Dovresti ragionare sul binomio “Servo-Padrone”. Siamo sempre quello che i nostri progenitori pensanti hanno detto di noi, che siamo prima di tutto ‘ animali politici’ (zoòn politikòn) e poi ‘animali in possesso di parole’ (zoòn ekon legon)….siamo animali continuamente attratti e stimolati ad assoggettare l’altro-a, come oggetto del nostro desiderio per comandare e esercitare un potere di vita e di morte si di ‘esso-a’. Non riusciamo a concepire una libertà e responsabiltà senza padronanza, senza proprietà o sudditanza. Non sopportiamo la semplice forza del desiderio desiderante se non in vista di un desiderio desiderato.
 
N: Io voglio continuare a pensare e sognare che è possibile praticare il desiderare, che è possibile non aver paura, eppure ho paura.
 
M: Continui ad avvitarti nella tela che costruisci intorno a te. Tu continui ad aggrovigliati nello “gnommero” che tu stesso stai avvolgendo intorno a te stesso. Questo si può cominciare riconquistando il senso profondo e responsabile di una paternità su noi stessi e non come smascheramento e indebolimento ma come forza ed equilibri momentaneo o provvisorio con l’‘altro-altra’. La paternità in questo senso ha possibilità desiderante e non oggetto appacificato e desiderato. Il sogno è l’infinita ombra del vero. L’importante che il gioco delle ombre non serva a comprimere ma a sviluppare la forza del desiderio.
 
N: Sai a volte mi sono abbandonato ai desideri e quando li ho dichiarati, alcuni sono scappati via, per paura? Boh! Mi sono accorto che è un po’ come non riconoscerli più. Mi dicono sempre ma tu sei pazzo. Ci sono i problemi. Ma che sono questi problemi? Ma, non ci capisco più niente (?).
 
M: Il mondo, la realtà è un problema, una domanda, un desiderio non è mai una risposta o una soluzione se non momentanea e provvisoria. Certo che scappano via ma non sono essi a scappare via sei tu che non riesci a starci dietro e ti fa comodo non ammettere questa tua precarità o incapacità a riconoscergli la positività di essere mutevole, cambiabile e soprattutto indefinibili e imprendibile una volta per tutto, C’est la vie ,mon cher amie! Non è un Essere ben rotondo e rassicurante ma un fiume mutevole e diveniente dove “il cor si spaura” e la mente si inceppa. Prova a ripartire come consigliava Socrate ….”non ci capisco più niente”!
 
N: Mercuzio, allora Io non sono io quando amo?
 
M: Dipende, se parti dal “saper di non sapere”…tutto è ancora possibile. Altrimenti non ti resta il consiglio leggero di quella bella canzone di Mina …”proviamo anche con Dio non si sa mai”. Partiamo da questo tuo “io” indebolito, fragile, confuso ma desiderante. Il desiderio, però, diventi domanda di riconoscimento non di identità…l’importante è praticare e ottenere riconoscimento di questa tua domanda ed esigenza di aiuto non di diritto di padronanza. Difendiamo questo nostro diritto di riconoscimento del desiderio dell’altro-a. Il problema non chiedere legittimità alla nostra identità ma legittimità al nostro desiderio dell’altro-a. Amare è un progetto continuo di amore è “stato nascente costituente e desiderante” mai uno stato costituito, desiderato e praticato. E’ l’indicibile processo aristotelico tra “potenza-atto” per ingabbia re concettualmente il viaggio di andata e ritorno, di libertà desiderate dal regno delle ombre della caverna platonica verso la vita calda e luminosa del sole come esperienza per riaffrontare continuamente il ritorno tra le ombre e la caligine che insozza parole, mortali e cose. Questo è la forza di amore-eros che “muove il solo e le altre stelle” ma sopratutto gli uomini desideranti e pensanti.
 
N: E, chi sono allora?
 
M: Qui comincia la tua avventura e il tuo viaggio dentro e fuori di te. Un viaggio che sconfigge le paure solo con la forza rinnovata del desiderio non di cercare dentro di te solo “il fantasma primario del bambino” bisognoso di cure ma del Padre autorevole che dà sicurezza, premure e cura all’altro-a da sé, La nostra identità è questa possibilità desiderante all’infinito.
 
 
N: Io non sono, così forte da nuotare controcorrente! Si è vero a volte mi lascio affogare dai miei desideri e dalle mie paure, ma almeno cosi mi sembra di essere vivo. Mi tocco e mi faccio male. E, poi penso che se non sono capace di abbandonarmi ai miei desideri e alle mie paure non crescerò mai. Mi tratterò sempre come un bambino spaventato, con la paura di non poter aprire il mio cuore. Ma cos’è questa paura? La paura di essere abbandonati? O, è paura di diventare grandi? desidero però ho paura!
 
M: Ecco cosa non intendevo prima con questo tuo senso negativo di ricerca e considerazione della vera identità. Sentirsi vivo in una cassa da morte di paure e di decrescita è veramente il peggio del peggio dell’inganno. Ingannarsi nella vita può anche servire a rimandare il problema, ma bisogna essere onesti con sé stessi e sapere di ”volersi ingannare”. La paura è sempre di voler diventare “padre” (non padrone) di sé stesso ed esercitare la paternità della benevolenza, della cura e dell’amore dell’altr-a. La paura dell’abbandono è dell’eterno bambino che è in noi che diventa una buona volta “padre” di sé premuroso ed affettuoso e non padre-padrone e repressore autoritario del desiderio in uno Stato totalizzante e illiberale per i sentimenti, i sogni e le passioni.
 
N: Adesso ho capito “io sono il padre tuo”; ecco da dove nasce lo spirito dalla capacità di amarsi ed amare e diventare così padri e madri di se stessi. Sai mi hanno detto pure che devo però più che desiderare metterci un’intenzione nel desiderato, che non può essere la paura, ma appunto l’abbandono, all’amore.
 
M: Non continuare a giocare con le parole per imbrigliare le tue paure. L’amore non è mai un desiderato ma un desiderante continuo e dinamico. E’ ferita sempre aperta e dolorante …Se tu cerchi di tutto per cauterizzarla o curarla insieme alla ferita toglierai anche il desiderio di amore.
 
N: L’amore per tutto e nelle diverse forme?
 
M:Ecco così va meglio ma purché non sia “la notte in cui tutte le vacche sono nere” per anestetizzare le diversità, complessità e ricchezza di desideri possibili e mutevoli.N: Si credo che non devo controllare più desideri e paure ma semplicemente liberarle e lasciarle andare, si lasciarle andare giù per la corrente, come l’acqua di un fiume, come tante barchette di carta pronte a salpare per un nuovo mondo.

M: Quando molti anni fa anch’io ero un bambino giocavo nel ruscelletto del mio paese con le barchette di carta e o con dei semplici pezzi di legno …mi appassionava molto di più il gioco in se stesso che la vittoria finale. Ecco… tu libera le tue barchette e lasciale andare come i tuoi desideri liberi come le foglie d’autunno e leggeri come le piume di un uccello. Troveranno contrasti, paure, ostacoli .Importante confidare nella forza (dunamis) dell’acqua e nel piacere del bambino di vivere quella esperienza di gioco non come ricerca di potere vincente sugli altri ma come esercizio di comunione e cura di sé e degli altri. Forse non lo sai ma pure questo è amore…..avrebbe detto il mio amico Roberto. Ed in questo io mi fido più dei poeti.
 
N: Si Mercuzio io desidero essere amore per sorridere al mondo.
 
M: Io direi: sì io desidero vivere l’amore per sorridere con il mondo……volo via adesso….ciaooooooo a prestoooooooooooooooooooooo …Nanosssssssssssss