AHO!: adesso vi svelo un piccolo segreto!

Nel council “Il Cerchio dei Nativi d’America”, che patrico da diversi anni, con la “BIBLIOTECA DELL’ANIMA” nella comunità “Il cerchio, Comunità Libertaria per Sognatori Pratici”, c’è una parola magica “Aho” che è un segno semplicemente di approvazione per le cose che dicono gli altri!

Questa, è l’unica parola che si può dire, perchè nel cerchio del council sono vietati “giudizi” ed “opinioni” nei confronti delle cose che dicono gli altri. Il potere è nel cerchio e non del singolo.

Questo, a dir la verità, aiuta anche a liberare le persone da ogni schema mentale: pregiudizi, risentimenti, acredini, e da tutte le maschere o le gabbie mentali che ci metteno tutti i giorni il “potere” (il noi) sotto ogni forma.

Io sò che il Clown è per eccellenza l’anti potere. Fondamentalmente, attraverso il clown (il fool) cerchiamo di eliminare prima in noi stessi gli schemi mentali per cambiare tutto ciò che non ci piace, affidando a lui il potere per un giorno! Il Gobbo di Notre Dame; il Giullare; ecc.

In verità questa parola “aho” se andiamo a scavare a cipolla negli strati dell’archeologia del sapere appartiene a diverse tradizione culturali, alla tradizione di diversi popoli, e quindi è una delle parole senza nessun potere.
Fuguratevi! Anche nel dialetto napoletano si usa dire… “aho”!
(non so dalle vostre parti)

In tutte le culture è una parola di “approvazione” per accogliere le cose che dicono gli altri.

Pare addirittura che questa parola riguarda anche una “potente forma” per risolvere qualsiasi problema, per raggiungere qualsiasi obiettivo e anche per ottenere qualsiasi stato della mente o del corpo si desideri. “Nei diversi linguaggi dove la incontriamo è più di un semplice “ciao” o “arrivederci” o “amore”.

Il suo significato più profondo implica “l’allegria (aho) di condividere (alo) energia vitale (ha) nel presente (alo).”
(lo spirito di Aloha isole Hawai)

Pare che sia la tecnica più potente del mondo e, anche se estremamente semplice, forse non risulta facile perché bisogna ricordarsi di praticarla, molto spesso, come mi scrivono alcuni mie amici celestiali. E, quindi, qui ripeto ancora una volta “Aho”! in forma di benedizione.

E’ un pò come la legge dell’attrazione o come la legge unigravitazionale del mio carissimo amico Renato Palmieri che abita alle porte del paradiso a Napoli.

Sapete? Ogni tanto mi chiama a telefono e mi dici “aho”! …ed io gli rispondo “aho”! …(semplicemente)…. per poi chiudere il telefono.

Vi consiglio di usarla anche voi molto spesso. E’ un segreto che volentieri vi svelo è prendetelo proprio come una “benedizione” perchè può rappresentare tutto quello che desiderate.

Sempre i miei amici “celestiali” mi dicono che “…benedire qualcosa però implica dare riconoscimento, o enfasi, ad una qualità positiva, ad una caratteristica, o condizione, con l’intenzione che quello che sia riconosciuto, o enfatizzato s’incrementi, perduri nel tempo o inizi ad essere. Benedire è efficace per cambiare la vita, o per ottenere quello che si vuole.”

Ecco io vorrei benedire il “diritto al sollievo” che ogni Clown Dottore o Sociale può portare liberamente in giro per il mondo: Aho!

Nanosecondo

ops…dimenticavo: è un periodo che l’unica cosa che più mi cruccia come Clown è quella di liberare l’uomo. Per questo vorrei arrunarmi con tutti voi per discutere insieme anche di queste cose: Aho!